Calendario Scuola Italiana di Comix 2016

Chi sogna disegna.

  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
  • Calendario Scuola Italiana di Comix 2016
Descrizione Progetto

Chi sogna disegna, e così crea mondi.

Anni or sono, conversando con Will Eisner, il più giovane Frank Miller chiese al grande maestro del fumetto:

- Come cominci a lavorare a un libro, Will? Quali sono le fasi?

Eisner rispose, mostrando a Miller alcuni bozzetti:

- ... ho cominciato dai personaggi, con degli schizzi a matita.

I personaggi sono simulacri di esistenza resi possibili, nei comics, da essenziali quanto magistrali tratti di matita. Eisner cominciava dunque dai personaggi, rendendoli “reali” sebbene fossero solo immagini, suggestioni, ombre. Ma, come si sa, per fare una storia a fumetti (o un film) occorrono proprio le ombre: personaggi e scenari in grado di costruire il mondo immaginato dal narratore attraverso quel potente dispositivo di affabulazione chiamato sceneggiatura. I comics sono questa alleanza tra immagine e scrittura.

Ma immagine e scrittura nascono da un medesimo conato dei nostri lontani progenitori preistorici, quegli uomini primitivi che cominciarono a pensare alle cose che non esistono: a sognare, e dunque disegnare, intraprendendo la strada dell’immaginazione. E, se ci pensiamo, anche solo immaginare il concetto di “preistoria” è un atto creativo formidabile: andare con la mente a un piano di esistenza in cui non esiste ancora il pensiero così come oggi lo intendiamo. Pensare qualcosa così ai limiti del pensiero che possiamo renderlo solo attraverso la potenza evocativa delle immagini.

Il fumetto conserva la sua grande capacità di raccontare storie proprio per la qualità germinale delle sue tecniche: lo snodo tra segno grafico e parola scritta, un connubio che già era implicato nei primi graffiti tracciati sulle pareti delle caverne e che oggi diventa l’interazione felice che cii mmerge nei viaggi immobili dei grandi comics-maker: da Winsor McCay a Osamu Tezuka, da Milton Caniff a Hugo Pratt, da Moebius ad Andrea Pazienza. Maestri dell’immaginazione in attesa di eredi.

Sergio Brancato
Docente del corso di sceneggiatura alla Scuola Italiana di Comix

Dettagli
  • Cliente : Scuola italiana di Comix
  • Skills :
  • Data realizzazione : 2015-21-12
  • Tag :
  • Link al progetto : Launch Project