Slide background

CORSO DI
SCENEGGIATURA & STORYTELLING

1 ANNO AVANZATO

Slide background

CORSO DI
SCENEGGIATURA & STORYTELLING

1 ANNO AVANZATO

PRESENTAZIONE

Nei media – dal cinema al fumetto, dalla radio alla televisione – non è possibile raccontare storie senza sceneggiatura: il punto di partenza di ogni narrazione audiovisiva è il testo scritto che contiene il racconto e ne organizza la messa in scena.

L’obiettivo del corso è dunque quello di creare un percorso di apprendimento che renda l’allievo in grado di immaginare e narrare storie come uno scrittore ma anche di usare le tecniche necessarie per farle vivere oltre la pagina scritta: lo sceneggiatore, infatti, è colui che progetta storie (a fumetti, ma non solo) attraverso una precisa e sofisticata tecnica di scrittura.

Il corso di Sceneggiatura e Storytelling si struttura intorno alle teorie e alle tecniche della narrazione e della sceneggiatura, privilegiando il fumetto ma toccando tutti gli altri media dell’industria culturale. La finalità, infatti, è quella di formare una figura di narratore e/o sceneggiatore polivalente, in grado di scrivere per tutti i settori della fiction: dai comics al cinema, dal romanzo alla televisione e fino ai media interattivi.

 

La scrittura e la narrazione.

Il punto di partenza del corso di Sceneggiatura e Storytelling viene individuato nelle forme di base del racconto e dalle domande che le pratiche narrative ci pongono: che cos’è una storia? Come e perché si racconta? Quand’è che una storia funziona? Esistono differenze sostanziali tra le narrazioni del fumetto e quelle della letteratura, del cinema, della televisione? Si può imparare a raccontare attraverso questi media?

Partendo dai motivi che ci spingono a “raccontare”, il corso introdurrà alle dinamiche fondamentali della narrazione per capire come funzionano e come si usanno nei media contemporanei.

In particolare, la narrazione verrà trattata nelle forme che assume attraverso la scrittura, individuando in questa tecnica lo snodo fondamentale per progettare testi audiovisivi.

 

Lo storytelling.

Lo storytelling, cioè il “raccontare storie”, è la pratica culturale più antica della specie umana e su di essa si fonda il processo di civilizzazione. Ancor oggi, tutta la nostra vita è caratterizzata dal raccontare e dall’ascoltare storie.

Ma essere bravi narratori non è facile: occorre una certa dose di talento (dunque la voglia di immaginare e anche di “mentire”, inventare, affabulare…) e molto lavoro per tradurre questo talento nelle tecniche indispensabili per intercettare la sensibilità e l’interesse del pubblico.

Il narratore non scrive mai per se stesso: egli è alla costante ricerca di un pubblico con cui condividere il proprio universo interiore. Per questo, nell’ambito del corso sono previsti incontri con scrittori professionisti che daranno vita a un laboratorio di scrittura creativa basato sull’esperienza diretta di chi vive per raccontare.

 

Storia, teorie e tecniche del fumetto.

Il corso proseguirà proponendo una breve ricognizione nei territori della storia del fumetto, indispensabile per comprendere le forme attualmente assunte dal medium disegnato.

Lo step successivo sarà costituito da un sintetico panorama delle teorie e delle tecniche dei comics, per far in modo che l’allievo possa essere consapevole dell’ambito in cui si trova a maturare la sua formazione.

 

Scrivere il fumetto.

Il fumetto è un medium audiovisivo al pari di cinema, radio, televisione, linguaggi digitali. Dunque la sua sceneggiatura risponde ad alcune regole fondamentali condivise anche dagli altri linguaggi dell’industria culturale. Allo stesso tempo, esso esprime una precisa identità mediatica che richiede competenze, saperi e approcci tecnici specifici.

Il corso tratterà questi aspetti, privilegiando le tecniche che consentono di elaborare un’idea narrativa di partenza, strutturarla in una prima stesura compiuta di racconto scritto (il soggetto), passare alla crescita progressiva di complessità del trattamento e giungere infine alla sceneggiatura: ovvero, al progetto architettonico del testo che si vuole narrare attraverso quell’affascinante connubio tra parola scritta e disegno che costituisce l’universo immaginario dei comics.

 

Dal fumetto agli altri media.

A lungo sottovalutato, il fumetto assume oggi una importanza assai rilevante nell’economia dei media. Per quanto concerne la sceneggiatura, possiamo sostenere che la scrittura del fumetto risponda a regole e logiche narrative molto rigorose e dalla forte impronta analitica. Questo è il motivo per cui studiare la tecnica della sceneggiatura del fumetto permette poi di essere molto più abili e qualificati nell’operare in altri settori della scrittura audiovisiva come il cinema o la fiction televisiva.

A tal fine, il corso non tratterà solo le tecniche specifiche dei comics ma offrirà anche momenti di formazione relativi alla sceneggiatura di cinema, radio, televisione, new media. Con lo scopo di formare uno sceneggiatore in grado di operare a 360° nel mondo professionale della comunicazione.

 

Profilo dell’allievo.

Il profilo dell’allievo di questo corso prevede essenzialmente una buona attitudine all’affabulazione e alla scrittura. Il miglior sceneggiatore, infatti, è colui che ama osservare il mondo intorno a sé per farne materia narrativa: ovvero, per inventarsi storie.

Deve essere un consumatore onnivoro di immaginario (romanzi, film, opere d’arte, cronaca e costume, ecc.) e inoltre dev’essere dotato di curiosità e apertura verso le nuove esperienze culturali che gli verranno proposte. Lavorare nel campo della scrittura dei comics passa anche per la capacità di comprendere le dinamiche immaginarie del pubblico.

 

Testi di riferimento.

Durante il corso verranno forniti testi e letture finalizzate alla crescita culturale dell’allievo e all’affinamento delle sue competenze di scrittura.

Alcuni libri  saranno particolarmente utili. Si danno qui alcune indicazioni generali e non obbligatorie di lettura:

  • Badino S., Professione sceneggiatore, Tunuè
  • Faraci T., Per scrivere fumetti, Scuola di Fumetto Saggi
  • Santarelli S., Fare fumetti, Dino Audino Editore

Altri testi verranno indicati durante il corso.

 

Come si svolgerà il corso.

Il corso si svolgerà prevalentemente attraverso didattica frontale, ovvero con lezioni tenute dal docente e da ospiti prestigiosi specializzati in particolari settori della sceneggiatura.

Nell’ambito del corso si procederà ad esercitazioni di scrittura individuale e di interazione ideativa di gruppo, simulando le modalità di lavoro collettivo tipiche del fumetto seriale e della televisione.

 

Gli incontri dell’anno 2016/2017 sono previsti con:
Achille Pisanti, Michele Serio, Antonella Ossorio, Claudio Falco, Paolo
Terraciano, Mirella Armiero, e altri da definire.

Sergio Brancato

Info sul docente

Claudio Falco

Info sul docente

INFO

L’ammissione avviene previa valutazione del candidato.
DURATA: annuale
FREQUENZA: 1 lezione a settimana di 3 ore + 1 incontro al mese
ORARIO: 10.00/13.00 + 15.00/18.00
NUMERO CHIUSO:
max 10 allievi

COSTI
ISCRIZIONE: 150 Euro

RATA MENSILE: 150 € da saldare ogni 5 del mese.

SOLUZIONE UNICA ANNUALE: 1275 € iscrizione compresa, scontata del 15%